Wrigley Field

Wrigley Field, soprannominato il “Friendly Confines”, è il secondo campo da baseball più antico delle major league e il più antico campo da baseball della National League. E ‘ stata la casa dei Chicago Cubs dal 1916, e servito come campo di gioco di lunga data per i Chicago Bears, una squadra di calcio della major league che ha guadagnato la preminenza nel 1920.

La franchigia Chicago Cubs, l’unica squadra di charter National League ancora giocare nella sua città originale, è stato il principale inquilini di Wrigley Field dal 1916. Originariamente chiamato Weeghman Park, il campo fu costruito nel 1914 per Charles Weeghman e i suoi Chicago Whales della Federal League, un concorrente infruttuoso con le consolidate leghe nazionali e americane. La prima partita della major league al parco avvenne il 23 aprile 1914; i federali batterono Kansas City.

Come parte delle trattative tra le tre leghe nel 1915, a Charles Weeghman fu offerta un’opzione per acquistare i Cubs. Per fare ciò, ha reclutato investitori che includevano William Wrigley, il proprietario della Wrigley chewing gum company. Weeghman raccolse i soldi necessari e la prima partita della National League a Weeghman Park si tenne il 20 aprile 1916; i Cubs batterono i Cincinnati Reds. Nel 1918, Weeghman vendette il suo interesse per la squadra a Wrigley e il campo divenne noto come Cubs Park nel 1920. Il ballpark fu ufficialmente rinominato per William Wrigley Jr. nel 1926.

Wrigley Field è noto per diverse interessanti innovazioni nella storia del baseball. Weeghman, nel 1916, diede origine all’usanza di permettere ai tifosi di tenere le palle in fallo sugli spalti, ormai una pratica universale. Ha anche posizionato le cabine di ristoro dietro gli stand, riducendo il numero di venditori che esercitavano la folla, un’innovazione altrettanto ampiamente copiata. I Wrigley organizzarono per trasmettere le partite del club a partire dal 1925; questa fu la prima occasione in cui il nuovo mezzo fu usato per questo scopo. Piuttosto che indurre le persone a rimanere a casa, le trasmissioni hanno attirato fan da tutto il Midwest e hanno contribuito notevolmente alla popolarità del club.

Una caratteristica ben nota di Wrigley Field è il muro esterno in mattoni ricoperto di edera. Il muro e le gradinate altrettanto famose dietro di esso sono stati costruiti nel 1937 quando l’area esterna è stata rinnovata. L’edera è stata piantata da Bill Veeck durante questa ristrutturazione. Il tabellone segnapunti alto 27 piedi è stato anche aggiunto in questo momento, e rimane azionato manualmente fino ad oggi. Una delle tradizioni del campo da baseball è il volo di una bandiera recante una “W” o una “L” in cima al tabellone dopo una partita. Una bandiera bianca con una “W” blu indica una vittoria; una bandiera blu con una “L” bianca indica una perdita. La Chicago Tribune Company è proprietaria dei Chicago Cubs dal 1981. Da quel momento sono stati apportati molti miglioramenti al Wrigley Field, inclusa l’aggiunta di luci per i giochi notturni nel 1988.
Wrigley Field è stato il palcoscenico per i Cubs cattura del campionato Nazionale nel 1918, 1929, 1932, 1935, e 1938, ma i Cubs hanno perso le World Series in ciascuno di questi anni. La terza partita della serie del 1932, con i Cubs che affrontavano i New York Yankees a Wrigley, diede al baseball uno dei suoi episodi più immortali e vigorosamente discussi. Babe Ruth è venuto a battere nel quinto inning, con il punteggio legato 4-4. Dopo ciascuno dei due colpi fuori Cubs lanciatore Charley Root, Ruth alzò un dito e sembrava puntare verso l’angolo centro-campo. Ruth poi procedette a colpire un home run oltre la recinzione in quell’angolo. Nel 1938, i fan dei Cubs a Wrigley hanno assistito al famoso “Homer in the Gloamin” di Gabby Hartnett che ha conquistato il vantaggio della lega per i Cubs il prossimo all’ultimo giorno della stagione. Dopo il 1938 i Cubs, ad eccezione di un gagliardetto della National League nel 1945, non godettero di alcun successo pronunciato fino al 1984, quando vinsero il titolo della National League East, che vinsero di nuovo nel 1989. I Cubs hanno vinto la divisione nel 2003, 2015 e 2017 e le World Series nel 2016.
La proprietà è stata determinata in primo luogo ammissibili per la designazione come National Historic Landmark nel 1987. Nel 2020, è stato ufficialmente designato come National Historic Landmark dal Segretario degli Interni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *