Machu Picchu: Fatti e storia

Machu Picchu è un sito Inca del xv secolo situato su una cresta tra le montagne Huayna Picchu e Machu Picchu in Perù. Si trova 7.970 piedi (2.430 metri) sul livello del mare sul versante orientale delle Ande e si affaccia sul fiume Urubamba centinaia di piedi sotto.

L’eccellente conservazione del sito, la qualità della sua architettura e la vista mozzafiato sulle montagne che occupa hanno reso Machu Picchu uno dei siti archeologici più famosi al mondo oggi. Il sito copre 80.000 acri (32.500 ettari). Campi terrazzati sul bordo del sito sono stati utilizzati una volta per la coltivazione di colture, probabilmente mais e patate.

Nel 1911, l’esploratore Hiram Bingham III, professore alla Yale University, visitò il sito e pubblicò la sua esistenza per la prima volta. Lo trovò coperto di vegetazione, gran parte della quale è stata ora rimossa. Gli edifici erano realizzati senza malta (tipica degli Inca), le loro pietre di granito estratte e tagliate con precisione.

Quando Bingham scoprì il sito stava effettivamente cercando Vilcabamba, l’ultima capitale degli Inca prima della loro sconfitta finale per mano degli spagnoli nel 1572.

L’esploratore trovò Machu Picchu in gran parte intatto, non essendo apparentemente mai stato visitato dai conquistadores spagnoli. In effetti, l’unico riferimento al sito nei documenti spagnoli è una menzione della parola “Picchu” in un documento del 1568, il testo che implica che apparteneva all’imperatore Inca.

La dimora di un imperatore

Si ritiene che Machu Picchu sia stato costruito da Pachacuti Inca Yupanqui, il nono sovrano degli Inca, a metà del 1400. Un costruttore dell’impero, Pachacuti ha avviato una serie di conquiste che alla fine avrebbero visto gli Inca crescere in un regno sudamericano che si estendeva dall’Ecuador al Cile.

Molti archeologi ritengono che Machu Picchu sia stato costruito come una sorta di tenuta reale, la presenza di residenze d’élite nel settore nord-est del sito sostiene questa idea. Sarebbe stato utilizzato dall “imperatore e la sua famiglia come una tregua temporanea, il sito sostenere un piccolo numero di custodi tutto l” anno. Altri esempi di proprietà reali Inca sono noti in Perù.

È interessante notare che la dimora dell’imperatore stesso sembra essere nella parte sud-ovest del sito, lontano dalle altre residenze d’élite. Un edificio conosciuto oggi come il “Tempio del Sole” è adiacente ad esso.

Una scala che corre accanto al complesso reale conduce ad una piazza sottostante, e l’imperatore è stato concesso un giardino, un bagno privato e anche una zona bagno privato — l’unico privato in loco.

Anche se Machu Picchu ha un muro, un modesto gateway e un fossato secco (probabilmente usato per raccogliere l’acqua piovana) non sembra essere stato allestito con scopi militari in mente, e non ci sono prove che una battaglia di qualsiasi tipo sia stata combattuta lì.

Tempio del Sole

Machu Picchu ha una serie di strutture che avrebbero migliorato il significato spirituale del sito.

Uno di questi, il “Tempio del Sole”, o Torreón, ha un design ellittico simile a un tempio del sole trovato nella capitale inca di Cuzco. Si trova vicino a dove si crede che l’imperatore Inca abbia risieduto a Machu Picchu.

Una roccia all’interno del tempio avrebbe potuto servire da altare. Durante il solstizio di giugno il sole nascente splende direttamente in una delle finestre del tempio, e questo indica un allineamento tra la finestra, la roccia e il sole del solstizio.

Sotto il tempio si trova una grotta, naturalmente formata, che l’esploratore Bingham ha definito un “mausoleo reale”, anche se ci sono poche prove che sia stato usato come tale. Un masso scavato in una scala si trova vicino all’ingresso della grotta e la camera sotterranea probabilmente serviva una funzione religiosa di qualche forma.

Tempio principale&Intihuatana

Una serie di strutture religiose si trova a nord-ovest del sito, al confine con la piazza.

Uno degli edifici, soprannominato il “Tempio principale”, contiene un altare in pietra scolpita. Quando è stato scavato da Bingham ha scoperto che ha uno strato di sabbia bianca, qualcosa visto nei templi a Cuzco, la capitale Inca.

Un edificio adiacente al “Tempio Principale” è conosciuto come il “Tempio delle Tre Finestre” e contiene una grande quantità di ceramiche rotte, ritualmente fracassato appare.

Ma forse il più grande puzzle di Machu Picchu è una roccia gigante, chiamata “Intihuatana” da Bingham, dopo altre pietre scolpite trovate nell’impero Inca. La pietra di Machu Picchu si trova su una piattaforma rialzata che sovrasta la piazza. Il suo scopo è un mistero, con recenti ricerche che smentiscono l’idea che agisse come una meridiana. Potrebbe essere stato usato per osservazioni astronomiche di qualche forma. Può anche essere collegato con le montagne che circondano Machu Picchu.

Abbandono di Machu Picchu

Machu Picchu non sopravvisse al crollo dell’Inca.

Nel 16 ° secolo gli spagnoli apparvero in Sud America, piaghe che affliggevano gli Inca insieme a campagne militari condotte dai conquistadores. Nel 1572, con la caduta dell’ultima capitale inca, la loro linea di governanti finì. Machu Picchu, una tenuta reale una volta visitata da grandi imperatori, cadde in rovina. Oggi, il sito è sulla lista delle Nazioni Unite ‘ dei siti del Patrimonio Mondiale.

— Owen Jarus, Contributore di LiveScience

Related:

  • Galleria di immagini: Inca Child Mummies
  • ‘Maiden’ Inca Mummy Suffered Lung Infection Before Sacrifice

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *