Cole Porter

Paris Molti argomenti potrebbero essere generati sul fatto che Cole Porter o Irving Berlin debbano essere considerati il più grande tunesmith americano. Entrambi hanno scritto musica e testi; è chiaramente una situazione di pick ‘ em. Porter ha avuto lezioni di violino e pianoforte come un bambino, ha proseguito gli studi universitari a Yale (dove ha scritto canzoni di lotta che durano fino ad oggi, come “Bulldog”), e ha studiato legge e musica ad Harvard, il tutto per gentile concessione di un nonno ricco. Suo nonno era inorridito Porter avrebbe considerato la musica come una carriera e non lo perdonò mai. Porter era nell’esercito francese durante la prima guerra mondiale, e ha trascorso gli anni ’20 a Parigi come marito di una donna ricca. Ha iniziato a segnare successi in quel decennio, anche se “I’m in Love Again”, non ha fatto clic fino al 1929, anche se Porter lo ha scritto nel 1924. La lista di spettacoli e film di Porter è immensa; i suoi testi erano letterati, sofisticati, eppure potevano essere affascinanti, suggestivi, persino cattivi. Il suo primo spettacolo fu a Parigi nel 1928; comprendeva ” Let’s Do It.”Che è stato seguito da francesi nel 1929 contenente” You Do Something to Me.”Porter tornò a New York nel 1930, ma era un parigino per tutta la vita nel suo cuore. Svegliati e sogna, i newyorkesi, la divorziata gay, Jubilee, Lascia fare a me e Kiss Me Kate sono solo alcuni dei suoi meravigliosi spettacoli. L’elenco dei brani è altrettanto impressionante; “Qual è questa cosa chiamata amore”, “Amore in vendita”, “Tutto va bene”,” Sei il top”,” Inizia la beguine “e” Conta le tue benedizioni”, per cominciare. C’erano anche film come Calze di seta, Born to Dance, Broadway Melody of 1940, High Society e Night and Day. Le gambe di Porter furono schiacciate da un cavallo nel 1937, subì numerose operazioni per il resto della sua vita, oltre ad essere un semi-invalido. Alla fine perse la gamba destra nel 1958, solo quattro anni dopo la morte della moglie. Ma le sue canzoni continuano a vivere; numerose antologie e songbook dedicati alla sua musica sono stati pubblicati e sono disponibili su CD, tra cui il set di quattro dischi Smithsonian pubblicato nel 1993.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *