8 maggio 2017comuni Conservanti alimentari e loro scopo

donna fare la spesa e controllare l'etichetta

La conservazione degli alimenti esiste da secoli. È iniziato in tempi antichi con l’uso del sale su carni e pesce. Più tardi, lo zucchero è stato usato nei cibi in scatola e gli esseri umani hanno iniziato a decapare le verdure. Mentre tutti quei vecchi metodi sono OK con moderazione, i nuovi mezzi chimici di conservazione di oggi stanno crescendo sempre più abbondanti e sono dannosi per i nostri corpi.

Ci sono molti benefici per la conservazione degli alimenti, come la capacità di prevenire il deterioramento e il deterioramento da muffe, lieviti, botulismo e altri mezzi di intossicazione alimentare. La conservazione riduce anche i costi alimentari e prolunga la durata di conservazione.

Quando si tratta di conservare gli alimenti, ci sono due metodi: fisico e chimico. Essiccazione, refrigerazione e congelamento sono esempi di conservazione fisica. La conservazione chimica comporta l’aggiunta di ingredienti al cibo per prevenire l’ossidazione, l’irrancidimento, la crescita batterica, ecc. La conservazione chimica comporta ” additivi.”Anche se ci sono conservanti che si trovano naturalmente, come sale, zucchero e succo di limone, le grandi aziende usano spesso prodotti chimici sintetici, rendendoli conservanti artificiali.

agenti Antibatterici che distruggono i batteri o impedire la crescita di muffe sono:

  • Benzoati
  • Sorbati – tra cui il potassio sorbato di potassio, calcio sorbato di potassio e di sodio, sorbato di potassio
  • Propionati
  • Nitriti

    gli Antiossidanti che inibiscono l’ossidazione:

  • Solfiti, tra cui il sodio solfito di sodio bisolfito di sodio metabisolfito di potassio bisolfito e metabisolfito di potassio.
  • Vitamina E (tocoferolo)
  • Vitamina C (acido ascorbico)
  • Idrossianisolo butilato (BHA) – un solido ceroso utilizzato nella conservazione di burro, strutto, carni, ecc.
  • Idrossitoluene butilato (BHT) – la forma in polvere di BHA

    Agenti chelanti che legano gli ioni metallici per prevenire l’ossidazione:

  • Acido etilendiamminotetraacetico disodico (EDTA) – utilizzato nella lavorazione degli alimenti
  • Polifosfati – utilizzato in tuffi e frutta e verdura sbucciata
  • Acido citrico-naturalmente trovato negli agrumi

Mentre la FDA approva questi conservanti in un consumo moderato, alcuni sono noti per essere più dannosi di altri. Il nitrito di sodio / nitrato è il conservante utilizzato nelle carni lavorate e può avere effetti cancerogeni, specialmente se consumato in quantità elevate. Benzonato di sodio e coloranti alimentari artificiali potrebbero aumentare l’iperattività nei bambini. BHT è stato vietato in alcuni paesi come cancerogeno.

Tutti gli alimenti trasformati devono essere consumati con estrema moderazione. È meglio attenersi agli alimenti che sono stati minimamente elaborati per una salute ottimale.

*Per gentile concessione di Food and Nutrition Magazine

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *